venerdì 22 maggio 2009

22 maggio

http://www.aikikai.it/riviste/3301/htm/000Cover.JPG



La tempesta è capace di disperdere i fiori
ma non è in grado di danneggiare i semi.

Kahlil Gibran "Self-Portrait"

8 commenti:

  1. Molte sono le tempeste che mettono a dura prova le mie forze ma se avrò fiducia nel domani, non temerò alcun male!
    Gtazie per questi bellissimi versi di Gibran, li sento molto vicini a me!
    Un caro saluto
    Miriam

    RispondiElimina
  2. Le parole di questo grande pensatore sono sempre rassicuranti. La rinascita è sempre possibile grazie ai semi: qualcuno cadrà sulla roccia, altri su terra arida, ma qualcuno riuscirà ad attecchire su terreno fertile ed ecco la speranza di vita nuova. Che sarebbe la vita senza speranza?
    Ciao Ali

    RispondiElimina
  3. hi .. Sono da Indonesia, mi spiace se la mia lingua italiana è male. Mi piace il tuo articolo, e voglio essere tuo amico. Mi auguro che si desidera visitare indo-online e il mio blog at blog rakyatindonesia , se volete alcuni consigli su alcuni articoli di blog e di integrazione sociale. si prega di lasciare un commento. se in difficoltà, è possibile utilizzare Google Translate. ringrazio gli amici

    RispondiElimina
  4. i semi se sono buoni germogliano sempre...anche in una vita tempestosa! Buon week end

    RispondiElimina
  5. Buona domenica cara, un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  6. I fiore appassirebbero comunque!
    E i semi....sono in grado di rigenerarsi.
    Si tratta solo di aspettare e ci saranno altri fiori. Ha ragione Gibran, come sempre.
    Una abbraccio e buona nanna.

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo, una verita assoluta!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Splendido come sempre, GIbran!
    Cinzia

    RispondiElimina