lunedì 4 gennaio 2010

inizio d'anno...






Guardando per caso alle costellazioni


Aspetterete molto a lungo qualcosa
Che accada in cielo oltre i banchi di nuvole
E le Stelle del Nord pungenti come nervi.
S’incrociano il sole e la luna, ma non si toccano mai,
Non fanno sprizzare scintille, né con fragore collidono.
Sembrano intersecarsi in orbite i pianeti,
Ma nulla mai avviene, nessun danno.
E anche noi con pazienza possiamo durare la vita
E altrove guardare che non alle stelle e alla luna
E al sole per i colpi, per i mutamenti
Di cui abbiamo bisogno per non impazzire.
È vero che in pioggia finirà la lunga arsura
E la piú lunga pace in Cina nella discordia:
Ma questo non premierà l’attesa di chi veglia
Sperando di vedere infranta la quiete del cielo
In quel momento suo con i suoi occhi. È una calma
Che sembra senz’altro sicura per questa notte.


Robert Frost

4 commenti:

  1. la signora in rosso4 gennaio 2010 22:04

    bella. Un bell'inizio, osservando le stelle e pensare che sono là rassicuranti. Ciao Aliza

    RispondiElimina
  2. Dall'alto della loro tranquillità le stelle rideranno nel vedere come quaggiù siamo sempre affannati...

    RispondiElimina
  3. "Le stelle...coccinelle d'oro nel giardino della luna/ compagne discrete di notti insonni/ passate con gli occhi incollati/ verso invisibili orizzonti"

    RispondiElimina
  4. A me piace un sacco guardare il cielo. E pensare all'infinito...al prima...al dopo...

    RispondiElimina