sabato 3 gennaio 2009

qualcosa cambia...

http://www.salviamoitalia.net/sottodomini/milano/wp-content/uploads/2008/04/pericolo.jpg



In Brianza i Mohamed imprenditori sorpassano i «sciur» Brambilla


I nuovi “cumenda”? Si chiamano sempre più Mohamed. La tendenza non è nuova ma sorprende ancora che alle porte di Milano – nel territorio della neo provincia di Monza e Brianza – i cognomi degli imprenditori stranieri inizino a sorpassare quelli presenti da secoli. La conferma è in una ricerca della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Infoimprese relativi a 28.000 ditte individuali con titolare italiano e a 3.000 con titolare straniero.
È pur vero che in cima alla classifica restano i Mariani e i Villa (219 ciascuno) seguiti dai Sala (212). Solo dopo ci sono i Brambilla e i Fumagalli, rispettivamente con 174 e 134 titolari. Ma ecco la novità: i Mohamed sono a quota 178, confermandosi il nome più ricorrente tra gli imprenditori stranieri che operano in quella zona. Del resto il fenomeno non è nuovo. Le ditte individuali guidate da stranieri sfiorano ormai il 10 per cento sul totale. Un dato che – nella Lombardia dell’immigrazione – è perfino inferiore a quello regionale attestato al 12,2 per cento.


14 commenti:

  1. Interessante davvero questo post...
    Posso chiederti una cortesia? Mentre tu pubblicavi il commento,io toglievo le foto,avevo commesso un erroraccio!!! Nn è che lo rimetteresti? Era troppo bello!
    Grazie! caso mai se mi mandi la mail, te lo mando...
    Cinzia

    RispondiElimina
  2. So che la stessa cosa sta succedendo a Torino,non ho cifre sottomano ma vedo con i miei occhi i negozi e le attività varie gestite da stranieri.

    Altro dato significativo,se vogliamo: i primi nati del 2009 nel nostro teritorio sono una egiziana e un rumeno...!!

    RispondiElimina
  3. Sarebbe interessante conoscere cosa ne pensano i "lumbard"!!!

    RispondiElimina
  4. Sergio:
    a loro la parola....

    RispondiElimina
  5. Sarebbe anche interessante sapere che tipo di imprese hanno i vari Mohamed!!! E' su quello, credo, che si misura il vero cambiamento!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  6. Cara amica, Oramai è diventata una realtà innegabile e sempre più diffuse quanto utili nel momento in cui creano queste attività che offrono dei servizi particolari - spesso non offerti da quelle tradizionali - anche agli immigrati, e o si occupano di quelle cose che i giovani cittadini del posto trovano antipatiche da fare.
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  7. non ho capito dov'é e quale sia il problema...oppure ci siamo dimeticati del nostro passato?
    Ma non dovremmo essere tutti figli dello stesso Dio di Abramo, isacco e Giacobbe? Allah, Yavhé e il Dio Cristiano é sempre lo stesso. Oh NO?

    RispondiElimina
  8. Immagino una famiglia Brambilla che chiami un figlio Mohamed... sarebbe il massimo!
    Come ti chiami? Mohamed Brambilla!
    Metterebbe in crisi i leghisti e i fondamentalisti (ma temo che il bimbo avrebbe difficoltà troppo grandi, però è bello immaginarlo).
    Giorgio.

    RispondiElimina
  9. Avevo letto anch'io la notizia. Trovo sia un buon esempio di integrazione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. E' inevitabile ... e non certo negativo ^__^

    RispondiElimina
  11. bello il tuo blog,se puoi vieni a visitare il mio e ia iscriverti...

    RispondiElimina
  12. Cara Aliza, sono venuta a portarti i migliori auguri per questo nuovo anno appena iniziato: caramente, un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Non trovo strana la presenza di imprenditori arabi da noi. Altrove è una realtà già consolidata. Del resto siamo tutti figli dello stesso Padre ed tutti abbiamo ricevuto in dono la terra e le sue risorse. Un caro saluto e un augurio!

    RispondiElimina
  14. Ma benvenuti! Quello che mi sconvolge è la totale assenza di protezione.Così, sul tetto, liberi di farsi del male....

    RispondiElimina