mercoledì 13 maggio 2009

il vero amore

http://2.bp.blogspot.com/_bp-MnTb7B6U/Seh-ZKgrQpI/AAAAAAAAABo/w2_12wD_0EI/s320/PL004%7EMusicista-nella-pioggia-Posters.jpg



Il vero amore non è né fisico né romantico.
Il vero amore è l'accettazione di tutto ciò che è, è stato, sarà e non sarà.
Le persone più felici non sono necessariamente coloro che hanno il meglio di tutto, ma coloro che traggono il meglio da ciò che hanno.
La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzare nella pioggia!

K. Gibran

11 commenti:

  1. bisogna aver coraggio di danzare nella pioggia!!! Troppe persone hanno paura di bagnarsi, purtroppo...
    Buona serata

    RispondiElimina
  2. Trarre il meglio da ciò che si ha; se veramente diventasse la nostra regola di vita, saremmo tutti più felici.

    RispondiElimina
  3. Danzare nella pioggia... che bello, ma nessuno lo fa più.
    Molto bello questo brano di Gibran.
    Grazie Aliza!
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  4. Come insegna GIBRAN cerco il rosa. SEMPRE. e se non lo trovo...cerco ancora. Grazie Aliza.

    RispondiElimina
  5. bellissime parole!

    buon giovedì

    ^______^

    RispondiElimina
  6. Grande Gibran...lo conosco da poco ma più lo leggo e più mi piace!!

    Grazie per queste pillole Aliza,fanno solamente bene!

    RispondiElimina
  7. L'opera di Gibran è una miniera incandescente ed inesauribile. Splendido questo brano e grazie a te per averlo pubblicato.

    RispondiElimina
  8. Ho letto diversi scritti di Gibran e ogni volta mi commuove!
    Queste sue parole sono un inno alla vita, un incoraggiamento a guardare in profondità, un modo per dirci di non arrenderci mai ma di gioire per quello che abbiamo tra le mani!
    Miriam

    RispondiElimina
  9. Ciao Aliza!
    Forse può sembrare eccessivo, ma queste parole mi aiuteranno ad affrontare questi giorni con più tranquillità.
    Credo proprio che dovrei iniziare a leggere Gibran. Cosa mi consigli?

    RispondiElimina
  10. @ tutti

    grazie siete amici fedeli, baci

    @ caty

    con Gibran non c'è incertezza va sempre bene, "il Profeta" oppure un piccolo esempio:

    TRISTEZZA

    Interrogo la tristezza e scopro
    che non ha il dono della parola;
    eppure, se potesse,
    sono convinto che pronuncerebbe
    una parola più dolce della gioia.

    Kahlil Gibran "Prose Poems"

    ciao A

    RispondiElimina