mercoledì 1 luglio 2009

umanità

http://www.lineaquotidiano.net/files/images/scuola%20africani.preview.jpg



Immigrati, la tv scopre l’umanità


F
ra le tante parole che sul­l’immigrazione si sono sprecate, per definire un fenomeno destinato a modifi­care il nostro mondo, mancava 'umanità'. Ed è questo concet­to che si legge finalmente nel­l’inchiesta di Luca De Mata, La valigia con lo spago, che ha preso avvio su Raiuno lunedì in seconda serata. Quell’umanità che ci induce a considerare l’altro, colui che viene, non un invasore ma un fratello, costretto dal bisogno e dalla paura, a cercare ricovero in cambio di lavoro. Collocando storicamente i dati, De Mata confron­ta l’emigrazione italiana dell’Otto e del Novecento con quella dal Sud del mondo che ora si dirige ver­so il Nord, verso un’Europa considerata terra di spe­ranza e invece quasi sempre luogo di sfruttamen­to e delusione. E, fondandosi su documenti e in­terviste a chi lavora nelle organizzazioni cristiane di soccorso, presenta persone che hanno visto il loro sogno frantumarsi nella violenza e nella solitu­dine, costrette a grama vita da randagi in uno smar­rimento totale. Palermo e Napoli gli scenari della prima delle quattro puntate: con chi vive in strada o in miserevoli tane, con chi è costretto a vendersi o a vendere droga, con coloro che hanno dovuto sopportare lo sfruttamento più crudele per so­pravvivere. Casi singoli, sullo sfondo di luoghi in cui l’amore cristiano soccorre ai vuoti della società: esempi di un’integrazione ardua, di un riscatto che non è facile offrire. E poi, spaziando alla Spagna e agli Stati Uniti, ecco che il panorama si dilata dal no­stro piccolo al grande del mondo intero, in cui la spinta della disperazione porta a drammatici ten­tativi di riscossa da parte di chi varca le frontiere pensando di cambiare la sua vita. I poveri del mon­do diventano trama di una riflessione che si dilata dal sociale all’antropologico e all’esistenziale: il di­ritto alla speranza, in nome dell’umanità che ci fa uguali, un discorso per immagini che si articola at­traverso il dolore e che può esser sanato soltanto dalla solidarietà fraterna.


di M. Poggialini

8 commenti:

  1. se non ci preoccupiamo di queste persone più sfortunate, di chi dobbiamo preoccuparci? vivono nelle nostre città, vengono da paesi poverissimi e in guerra, possiamo ignorarli?

    RispondiElimina
  2. no naturalmente, buona serata A

    RispondiElimina
  3. Buongiorno.
    Tema di grande attualità perchè si lega anche alla nuova Enciclica del Santo padre... e, purtroppo, alla legge sulla Sicurezza (o, come dico io, sulla "paura indotta").
    Personalmente sono molto molto polemica, in argomento.
    Con la televisione che nulla fa per assolvere al suo ruolo di diffusore di cultura e di informazione.
    E un po' anche con la Chiesa che tace... su troppe cose, in realtà.

    RispondiElimina
  4. @ Kaishe

    ma tutte le Caritas, tutte le mense, tutta la distribuzione di abiti e coperte. Gran parte della rete di assistenza e soccorso, per esempio nella mia diocesi è sostenuta dalla Chiesa. Fino al punto che le strutture pubbliche si rivolgono alla Caritas ordinariamente. Nella mia Parrocchia provvedono a pagare affitti, la spesa degli alimentari ecc. certo con precarietà, ma so per certo che la rete c'è...forse non suonano le trombe, ma ci sono.
    Devo essere sincera io non credo che la Chiesa taccia, io credo che ...faccia pur con tutte le difficoltà e le possibili contraddizioni visto che passa attraverso i limiti degli uomini.
    Baci A

    RispondiElimina
  5. Anche qui da me si fa tanto... ma il volontariato è composto da persone che "politicamente" non sono allineate con le gerarchie.
    E le gerarchie tacciono.
    Era più facile che si scagliassero contro Prodi e il suo Governo che contro le nefandezze di questi loschi figuri.
    E questo silenzio rimbomba.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Grazie per la toccante segnalazione, Aliza.

    In questa trasformazione epocale, smuovere le coscenze e già un aiuto valido perchè è l'indifferenza il cancro che si insinua in una parte della nostra società, e bisogna combatterlo, con ogni mezzo a disposizione.

    Grazie per questo post. muccina

    RispondiElimina
  8. Tema sempre molto scottante...
    Baci
    Cinzia

    RispondiElimina