giovedì 15 aprile 2010

secondo post sulla salvaguardia del PIAVE

http://3.bp.blogspot.com/_4c34GSYJyTE/SQMbixQyHlI/AAAAAAAAB8Y/iz8Kt6SO3Lg/s400-R/0068+-+Veduta+del+Piave+a+S.+Dona%27.jpg
Google immagini- autore I. Menegaldo titolo dell'opera:
"Il Piave a San Donà"
(spero che l'autore non abbia obbiezioni)

Data:
domenica 18 aprile 2010
Ora:
9.30 - 13.30
Luogo:
San Donà di Piave (VE) - Centro Culturale Da Vinci

Descrizione

E' ARRIVATO IL MOMENTO!

IL GRANDE GIORNO E' DOMENICA 18 APRILE! ORA ABBIAMO BISOGNO DI TUTTI VOI!!!

VI INVITIAMO TUTTI a partecipare all'evento che si terrà con gli Esperti del settore, i Sindaci e le Autorità dei Comuni interessati dalla DEFORESTAZIONE DELLA GOLENA DEL PIAVE

E' IMPORTANTE CHE PARTECIPIATE IN MASSA!!! Anche in questo caso convocheremo TV e giornali per dare il massimo risalto.

DIFFONDETE QUESTO EVENTO ANCHE AL DI FUORI DI FACEBOOK: più saremo e maggiore impatto avrà la nostra iNIZIATIVA!!!

Riportiamo di seguito il programma:

PIAVE: GESTIONE, CONSERVAZIONE E SICUREZZA IDRAULICA
SAN DONA’ DI PIAVE Sala Auditorium del Centro Culturale “Leonardo Da Vinci” - DOMENICA 18 APRILE 2010

Relatori
Luigi D’Alpaos, Università di Padova
Giuseppe Baldo, Ingegnere idraulico
Fausto Pozzobon, Circolo Legambiente “Piavenire” di Maserada
Francesco Vallerani, Università Cà Foscari
Michele Zanetti, Associazione Naturalistica Sandonatese

Chairman
Francesco Vallerani, Università Cà Foscari, Venezia

Programma:
Ore 9.30 Saluto delle Associazioni
Ore 9.45 Francesco Vallerani, Valenze del paesaggio fluviale
Ore 10.15 Luigi D’Alpaos. I problemi della sicurezza idraulica del Piave
Ore 10.45 Giuseppe Baldo. Gestione e conservazione dell’ambiente di bacino di un fiume alpino: il caso del Piave
Ore 11.15 Fausto Pozzobon. Dopo il ’66: gestione e manomissioni del fiume nel medio corso
Ore 11.45 Michele Zanetti. L’Area Protetta del basso corso del Piave: gestione di una risorsa di elevata valenza ambientale, ecologica e culturale
Ore 12.15 Dibattito
Ore 13.00 Chiusura lavori

3 commenti:

  1. siamo proprio vicine di casa....anch'io ho aderito per la salvaguardia del nostro fiume.......e di noi!!!

    RispondiElimina
  2. @ margherita

    speriamo di salvare gli alberi e l'aspetto del nostro fiume...quante passeggiate fino a Cortellazzo a piedi o in bicicletta. Ciao

    RispondiElimina
  3. Quante passeggiate ho fatto anch'io quando abitavo a Jesolo, quanti bruscandoli ho preso su quelle rive!! Ora pare non sarà più possibile
    Ho letto di questa cosa del disboscamento e fatico a capirne i motivi di parte.

    RispondiElimina