venerdì 16 ottobre 2009

arriva il freddo...

possiamo restare indifferenti??


http://cronacaeattualita.blogosfere.it/images/clochard-thumb.jpg



Sempre più poveri sempre più invisibili
Senza fissa dimora: residenza anagrafica a rischio


DA MILANO
PAOLO L AMBRUSCHI

Il pacchetto sicurezza può mettere ai mar­gini migliaia di cittadini italiani in stato di povertà estrema, i senza dimora. E l’ar­rivo del freddo apre il problema della tutela della vita degli homeless stranieri irregolari, che rischiano provvedimenti penali se si pre­sentano nei centri di accoglienza pubblici o convenzionati con i comuni. Senza contare che una denuncia penale incombe anche su­gli operatori, pubblici o convenzionati, che presteranno assistenza umanitaria a stranie­ri non in regola. Se le cose non cambieranno, almeno per gli italiani, si preannunciano nu­merosi ricorsi contro il pacchetto alla Corte costituzionale e alla Corte europea dei dirit­ti umani da parte degli avvocati di strada e dell’associazionismo.
I pericoli per i clochard sono stati resi noti in una conferenza stampa organizzata dalla Fio­psd, la federazione degli organismi per i sen­za dimora, tra i quali diverse Caritas ed enti religiosi, e i giornali di strada.
Non si sa quanti siano nel nostro paese. Ma sono in forte aumento, lo confermano tutte le stime. Due anni fa la Fondazione Bigna­schi ipotizzava dai 54 ai 75 mila homeless, tra italiani e stranieri. La Banca d’Italia si è spin­ta recentemente a 180 mila, in linea con gli studi internazionali per i quali lo 0,3% della popolazione di un paese occidentale non ha una dimora fissa.


da Avvenire

11 commenti:

  1. Cara Aliza, il tuo impegno civile ti fa onore. Questo post dovrebbero leggerlo e rileggerlo con attenzione tutti gli italiani (tra i quali molti cattolici) che hanno voluto ed appoggiano questo Governo. Non che il precedente fosse migliore ma almeno non aveva partorito questo aberrante pacchetto sicurezza che fa a pugni con la carità cristianamente intesa. "Ero povero e forestiero e mi avete accolto..."

    RispondiElimina
  2. proprio martedì mi sono fermato a mangiare seduto su di una panchina per la pausa pranzo.
    Faceva freddo e insieme ad un mio collega parlavamo proprio di questo.
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Credo che sia proprio l'indifferenza il male peggiore, unito ad un razzismo che mi preoccupa non poco!
    Non è allontanando queste persone, rimandandoli a morte sicura nei loro paesi che si risolvono i problemi sociali nostri...!!

    RispondiElimina
  4. Ciao amica mia, spero che tu stia bene. Scusa per il silenzio ma ultimamente mi sono sentito male e moralmente giù, ma sto meglio.
    Buon weekend!Blessing

    RispondiElimina
  5. come si fa a non pensarci? eppure basterebbe così poco....un pò di umanità in più!!!

    RispondiElimina
  6. C'è veramente molta indifferenza e molto egoismo in giro. Non si sa più "mettersi nei panni degli altri". Essere generosi è "faticoso" e quindi si ignora l'altro in difficoltà e si tira avanti con noncuranza.

    RispondiElimina
  7. In effetti è un problema che va tenuto in considerazione, almeno noi ci pensiamo anche se dovrebbero pensarlo altri!

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  8. Concordo molto con il primo commento. Infatti non capisco perché i cattolici sostengono questo governo visto che non concepisce neppure la parola "prossimo"!
    Forse si tratta di cattolici per comodità, come quelli che sostengono la chiesa cattolica, anche pubblicamente, e poi divorziano, magari più di una volta.
    Non puoi stare seduto su due seggiole! Bisogna essere coerenti.

    RispondiElimina
  9. Non occorre essere generosi ! Basterebbe essere giusti.

    Brava Aliza, anche aiutare ,proponendo la riflessione, è utile.

    Ma, talvolta la riflessione lascia affiorare rancore anche verso la Chiesa, verso chi può e non fa.

    RispondiElimina