sabato 19 febbraio 2011

mi commuove...

Mi commuove la capacità di esprimere, con
parole povere, il lamento del cuore.







http://www.graphe.it/GM/wp-content/uploads/2008/07/incammino.jpg
Google




DAME INDRÌO 'E MÉ PARÒE

'A ièna del ricordo no'a se à niancóra
incoconà Pare, e i bianchi avoltòi soeàdhi
fòra daa to màscara i fa festa, salteando,
fra i mé déi nudi 'ncora pieni de carezhe.

I ruma e i sbrana e i tironéa chii musi
chii bèchi, chee ongiàte. Tel mé siénzhio
rabióso i sbrèghi dea carne no' i chièta
el rimorso che 'l mostra a chee bestie 'l só cuor

de viéro. Perdóneme 'e mé manie, 'e mancanze,
perdona anca 'sta spèzhie de poesia, se te pòl.
Càtete un cantón che te dàe pase, lontan da mì,
dai me verdi sogni. Pòrtete via i me pensieri.

Raga via 'sta radìse cussì ciusa, 'sto folp
intorcoeà aa to lapide. Te si mort, tì, romài.
Àssa che continue da sol, col mé ben ciaro,
i mé magóni. Ciàmete là 'e tó bestie, Pare

dame indrìo 'e mé paròe.



RENDIMI LE MIE PAROLE

La iena del ricordo ancora non è / sazia padre, e i bianchi avvoltoi volati / fuori dal tuo volto banchettano saltellanti / fra le mie nude dita debitrici di carezze. // Frugano e sbranano e tirano quelle fauci, / quei becchi, quegli artigli. Nel mio silenzio / feroce lo strazio delle carni non placa / il rimorso che ora offre alle fiere il suo cuore / di vetro. Perdonami le manie, le omissioni, / perdona anche questa specie di poesia, se puoi. / Trova un luogo buio in cui ritirarti, lontano da me, / dai miei verdi sogni. Stacca da te i miei pensieri. // Recidi questa radice così tenace, questo polpo / avvinghiato alla tua lapide. Sei morto, tu, ormai. / Lascia che continui da solo, col mio chiaro amore, / le mie amarezze. Richiama le tue belve, padre // rendimi le mie parole.

Fabio Franzin

2 commenti:

  1. Il dialetto delle nostre zone... da tempo non lo vedevo scritto in una poesia.

    Un abbraccio cara e buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
  2. che forte e amara!
    grazie e grazie

    RispondiElimina